arte indaco
 
 
 

 

 
Chiara Manganelli
Caduta del sogno infantile
Tra i ricordi del giorno e le attese della notte, mentre il sole ammainava la sua vela violacea e iridescente, una giovane donna stava distesa sulla battigia percossa e picchiata dall´ira giocosa del mare. ma il furore delle onde si faceva via via più acceso, avido, impertinente, minaccioso, e la
spuma gorgogliava e imprecava, torva e sordida, schizzando nell´aria spruzzi della sua saliva salina.
la donna vomitava veemenza e beatitudine dagli occhi ubriachi di scintillante e disarmante vitalità. i suoi pensieri si riversavano nell´oceano e si perdevano nel brulicante e sommesso sciabordio di acque irrequiete e frementi. il suo profilo ricordava le linee spezzate e imprecise di schizzi andalusi disegnati con la sanguigna dalle mani ruvide e coriacee di artisti nomadi e fuggitivi. la sua pelle era la mia, il suo corpo era l´ombra di un io che fui.
adagiata sull´orizzonte, la sagoma indefinita di una barca altera e altezzosa fendeva l´indaco mosto con precisione chirurgica, come un bisturi fende le carni. la sua stiva racchiudeva balocchi e deliziose prelibatezze.
ma la sua carena era fatta di legno marcio e consunto, e la chiglia scricchiolava, cedeva e annaspava quando la tramontana schiaffeggiava e oltraggiava l´oceano. eppure lei aspettava trepidante quella barca, ogni giorno, con fedele, instancabile e doviziosa devozione.
intrecci infiniti di alghe giacevano inerti ai suoi piedi, come corde tessute per calarsi negli abissi del vento e giungere fino al ventre di un ammaliante scrigno satollo di inimmaginabili segreti. costellazioni di conchiglie abbarbicate su speroni scoscesi divenivano chiassosi ed esaltanti monili con cui addobbare mani affusolate e inquiete, e vesti con cui circuire e avviluppare corpi discinti e lascivi.
l´incauta principessa ignorava la differenza tra realtà e sogni di realtà.
la clemenza dell´illusione cullava le sue membra e difendeva dal dolore i suoi sospiri fragili.
e il cielo, seppur rabbruscato e plumbeo, per lei era sempre diafano e privo di qualsiasi minaccioso nembo grazie all´alchimia sapiente e paziente di placidi e benevoli folletti incantatori.
i rayogrammi del passato e del futuro si mischiavano e incedevano accompagnati da sardoniche sarabande e seducenti milonghe. il senso era quella barca traballante, sempre capace di attraccare in un presente lucente e lineare.
grazie ad essa ogni riflesso d´anima riluceva secondo un equilibrio perfetto e solare.
la chiatta profondeva misteri e avvenenti bellezze rubati a mondi lontani. la sua àncora avvinghiava le spalle scarne della ragazza, ed ella gettava i suoi pianti e le sue gioie in mezzo ai mozzi chini sulla prua.
spezie, speranze e profumi orientali corrodevano la pelle, e lo squagliarsi dei sogni si celava dietro il suono suadente di dolci nenie africane in cui indugiare e a cui abbandonarsi inerme.
intanto mille serpenti subdoli si rigeneravano in fondo a biechi baratri intrisi di ambigue metamorfosi, strisciando e sibilando infide promesse. fu impossibile, ad un certo punto, ignorare l´avanzare inesorabile di ghignanti e crudeli megere che affollavano l´aria ed esalavano putride essenze di sofferenza.
lei, rabdomante rutilante, riluttò ad accettare la diserzione della magia.
continuò, caparbia e ostinata, a cercare timidi e teneri rigagnoli d´acqua, anche adulterata.
l´elegia mesta della frammentazione esplose maligna e furtiva.
un folle e impietoso chiasma mischiò e invertì l´ordine dei sentimenti con subdola voracità.
l´accorata e fumante sofferenza s´incagliò sulle ossa bianche di genti trasformate in tetri e truci fantasmi.
la fine del sogno infantile generò l´inizio dell´adulta realtà sognante.
mai fu possibile discernere il delirio onirico dalla reale realtà.
ora due mondi antitetici e complementari camminano paralleli, si intrecciano e si plasmano a vicenda. dove sia la vita vera ella non è in grado di stabilirlo. vive sospesa, precipitando, secondo logiche verticali e trasversali, attraverso dimensioni non lineari di temporalità; logiche forse circolari, forse puntuali, dove nell´attimo è racchiusa l´eternità.
e così il mondo interno e quello esterno si fondono e si compenetrano, pur nella loro logorante dualità. ma allora perché esistono maledetti intrecci di sevizie e di laceranti dolori se i tempi, i luoghi e i mondi aderiscono al nostro io e da lì si dipanano? forse perché, per fortuna, non siamo
onnipotenti, ci mancano miliardi di tessere per capire e introiettare il mosaico, e tante di queste tessere sono nelle mani di esseri umani che, per quanto possiamo amare, odiare, sfiorare, lambire, penetrare, sono altro da noi, vivono nel loro tempo, nel loro mondo e nei loro luoghi. a volte ci si incontra e ci si sincronizza su audaci e meravigliose gioie, altre volte si allunga disperatamente una mano ma non ci si riesce a toccare, scalfire, perché entrare in altri universi spesso
è arduo e impossibile. oppure si crede e ci si illude di stabilire un contatto, di gustare e coltivare l´intimità altrui, ma poi ci si invischia in laidi inganni, in vili e meschini ricatti, in perversi giochi assurdi e stremanti.
e così rimaniamo, come mendichi infreddoliti e intirizziti, fuori, dinnanzi a porte sbarrate, a elemosinare un senso che mai troveremo, né negli altri, né, spesso, in noi stessi.
Share on Tumblr


Città: torino
E-mail: ch.saudade@gmail.com
Sito internet: http://

FRANCA SCARPELLINI
C´era una volta

Un giorno, nel tempo che è, fu indetta una riunione, e vi fu apprensione in tutto il creato per ciò che avrebbero udito, questa riunione ebbe molta risonanza nel consiglio cosmico dove stava per essere comunicata una decisione presa dal grande essere...

BARBARA ZILETTI
Verdulandia

Chi l´ha detto che la fantasia non esiste più?

FRANCA SCARPELLINI
La tragedia

“occorre uscire dalla tragedia che ci vincola nella materia
mentre il qui ed ora conduce al cambiamento”

ogni vit aporta la sua tragedia che comprende il suo vissuto ed il suo vivere.
la tragedia fa parte della vita...

PAOLA TASSINARI
Ravenna in blu

Oggi le scuole organizzano gite e portano gli scolari, già dalle elementari in visita a san vitale e a galla placidia, ai miei tempi no, così poteva capitare di aver visto le bellezze delle altre città e di non conoscere per niente le meraviglie della...

FRANCA SCARPELLINI
Processo

O figlio dell’essere!
proclama il mio nome sulla terra, affinchè io mi possa rammentare di te nei miei cieli, così saranno consolati i miei ed i tuoi occhi.
baha’u’llah – le parole celate.

processo
la nuova...

LUCA PEIRANO
Passeggiando tra i mondi

In un tempo non molto lontano nell’universo sconosciuto si preparava un evento epocale, la riunione di ventidue razze extraterrestri. questo tipo di riunioni extra-planetarie avveniva soltanto inoccasione di eventi straordinari; c’era sempre...

GIUSI CANTAGALLI
La stella solitaria

Il fuoco scintillava in mezzo alla valle nella notte oscura e silenziosa,illuminata da due stelle solitarie che danzavano splendenti attorno alla luna piena vibrante di mistero e magia.
le stelle sprigionavano una luce purissima che si espandeva...

FILOMENA MASSIDDA
Zelda la formica

Sul binario ….stretto stretto…
correva a tutta velocità….
il treno “dieciedieci”.
nella stazione di pescofiorito c’erano tante locomotive.
erano lente ma così lente, proprio come lumache.
lumache bavose,...

ALMA DAMANINS
Gocciolina

Una goccia d´acqua persa su una foglia d´alloro...dove sono andate le altre goccioline che, come lei, sono cadute da quella nuvola ? ognuna aveva un compita da fare, chi nutrire questo filo d´erba, chi dissetare quello petti rosso, chi...

BARBARA ZILETTI
La piccola lisa

Scritto sotto forma di fiaba, ha un contenuto spirituale profondo.
e stato distribuito anche in alcune scuole della provincia di brescia.
molto apprezzato dai ragazzi per la semplicitaà del linguaggio e molto utile anche agli adulti che...

FRANCA SCARPELLINI
...

Il viaggio
il mio viaggio iniziò nel dicembre del 1945 in una giornata di libeccio e forse è per questo che mi piace sentirmi circondata dal vento e dalle onde che si infrangono sugli scogli! amo il mare e mi sento un tutt’uno con esso, amo...

GRAZIELLA PESCE
Grisell...

“ma come ho fatto a finire qui dentro” brontolava quel piccolo essere cercando di muoversi all’interno di quel guscio così stretto. “ero in un posto dove stavo tanto bene, ma cosa è successo poi? non ricordo, non riesco a ricordare. un...

FRANCA SCARPELLINI
L´ho fatto per te!

Questo lo faccio per …te!

e’ una frase che diciamo spesso in tutti gli ambiti dalla politica alla sfera privata.
c‘era una volta una santa donna che diceva spesso: questo l’ho fatto per te…. raccontando fatti di privazioni...

ANNA SALVATI
Pelle di luna

Favole del terzo millennio
pelle di luna
pelle di luna amava tutto e tutti. ogni cosa, animata e non animata, ogni avvenimento, la interpenetrava e scambiava con lei sensazioni, emozioni. in simbiosi.
percepiva tutto...

ALMA DAMANINS
Il grande mago del nulla

E se tutto fosse un´illusione, una grande illusione per portarci avanti. alla fin fine, lo dicono loro, c´è il nulla, il nulla che racchuide tutto : tutte le possibilità, tutte le illusioni, forse come uno capello, grande, grande tale quale...

ROBERTO ZACCARELLI
Le disavventure di giunass bartass...

Le disavventure di giunass bartass e della figlia slimbercia

DEBORAH LUNA SANTARELLI
La rosa di plastica

Era quasi il tramonto, quando vidi entrare dal cancello laterale del cimitero una donna dalla figura sottile. avanzava con fare incerto, raggiunse la lapide che era stata deposta quella mattina proprio di fronte alla mia e pose le otto nuove arrivate...

FRANCA SCARPELLINI
...

Favole e sogni animare la fantasia


animare la fantasia con le favole ed i sogni è un volo oltre la realtà dove fate, principi, streghe, compiono magie e trasformazioni che si realizzano annullando sofferenza e limiti umani.

CHIARA MANGANELLI
Caduta del sogno infantile

Tra i ricordi del giorno e le attese della notte, mentre il sole ammainava la sua vela violacea e iridescente, una giovane donna stava distesa sulla battigia percossa e picchiata dall´ira giocosa del mare. ma il furore delle onde si faceva via via più...