arte indaco
 
 
 

 

 
Deborah Luna Santarelli
La rosa di plastica
Era quasi il tramonto, quando vidi entrare dal cancello laterale del cimitero una donna dalla figura sottile. avanzava con fare incerto, raggiunse la lapide che era stata deposta quella mattina proprio di fronte alla mia e pose le otto nuove arrivate nel vaso inchiodato alla lastra di granito.
begonie, le riconobbi mentre ondeggiavano alla leggera brezza che preannunciava il crepuscolo, accennando brevi inchini nella mia direzione.
ne avevo viste tante come loro: gigli, calle, rose, crisantemi il più delle volte. arrivavano tutte a testa alta, il gambo ritto, le corolle sfavillanti, nel pieno della giovinezza. vidi i gladioli ormai sgualciti salutare le nuove arrivate, mentre io stessa accennavo un saluto, mostrando i petali lucenti. c´era sempre un po´ di fermento per un nuovo arrivato, e non capitava spesso come si potrebbe pensare. poche erano le persone che tornavano prima che fosse trascorso qualche mese, molte tornavano durante le ricorrenze, una volta l´anno, poi più nulla.
tra loro, pochi sopravvivevano più di qualche giorno. io, ormai, avevo perso il conto dei giorni, dei mesi, degli anni. non molti altri duravano così a lungo, o, almeno, io non ne avevo veduti mai.
certo, avevo ormai perso il mio colore: da rossa com´ero al mio arrivo ero ormai divenuta d´un rosa slavato e bianchiccio, ma ancora c´ero, ancora ero lì, al contrario di tutti gli altri.
spesso i loro cadaveri giacevano nei vasi per settimane, fino a decomporsi completamente, divenendo un fertile liquame per le zanzare che vi deponevano le uova. i più fortunati venivano portati via e gettati in enormi cestini di plastica verde. e come il grande cestino, di plastica ero fatta anch´io, che mai sfiorivo e mai sbocciavo completamente, un eterna rosa appena schiusa, tale sarei stata per chissà quanto altro tempo, costretta alla vista di milioni di fiori morti, ogni giorno.
il mattino seguente, notai che le nuove arrivate stavano già iniziando a dare segni di cedimento, i petali iniziavano a disidratarsi, gli steli ad incurvarsi, tutte avevano quella tipica aria che hanno i fiori dopo una notte in un cimitero, tutti tranne uno.
se ne stava ancora col gambo ritto e con le corolle piene, esattamente come quando era arrivato, e mi scrutava da lontano, dondolandosi nel vento con aria di sfida.
per un attimo, mi chiesi se anche lui, forse, non fosse come me. anche lui di fredda e sintetica plastica senza vita, il primo dopo anni. a questo pensiero, mi rallegrai. forse non sarei più stata sola, finalmente avrei potuto vedere ogni mattino un viso familiare, invece della solita aria di morte in un susseguirsi di fiori sempre diversi.
così, man mano che il fiore resisteva, cresceva la mia speranza di non essere più sola.

ma la mia speranza, così come quel fiore, durò poco.

in poche ore, anche lui, che prima sembrava tanto determinato, cedette. cedette alla morte, così come io cedetti alla rassegnazione, alla solitudine.
avevo sperato, per un attimo, e quella speranza mi stava distruggendo. una speranza caduca come una foglia, come un fiore.
mi chiedo come sarebbe stato, senza quella piccola speranza. me lo chiedo mentre ora guardo gli ultimi resti di quel mazzolino. lui ancora resiste, si attacca la vita. ma morirà, presto o tardi morirà.
se solo anche io, come lui potessi morire. prego con tutte le mie forze di essere inanimato, ed ecco giungere da lontano una piccola ombra, molto più piccola di quelle che vedo qui di solito. raccoglie i fiori dalle tombe, quelli rimasti. raccoglie le begonie ormai sfiorite, poi quelli nella tomba accanto, arriva fino alla fine della fila, poi si gira verso di me. mi raccoglie, forse confondendomi con gli altri, e mi chiedo quale sorte mi attende.
mentre mi stringe nel pugno caldo, le mie corolle toccano quelle del mio fiore, poiché ormai è mio, lo sento, i nostri destini si sono uniti, lui ha resistito fino all´ultimo, per questo.
la mano calda ci getta in qualcosa di molto più caldo, il fuoco, chissà se anche lui sa cosa ci accadrà. lui si disintegra al primo contatto, volando nel vento, io invece, mi sciolgo lentamente, i miei petali e il mio gambo si fondono, vorrei volare anch´io lassù con lui.
aspettami, mio fiore, sto arrivando...
Share on Tumblr

绉併伅鐤戝晱銇椼仧銇傘仾銇熴伅浠娿伨銇с伀銇裤仾銇曞牬鍚堛伅銆佸鏇淬仐銇︺亸銇犮仌銇勩伄銉偆銈偊銉堛儢銉偘銈点偆銉堛倰锛熴仢銇潪甯搞伀銈堛亸鏇搞亱銈?绉併伅youve銇█銇嗐倛銇嗐伀銇仯銇熴倐銇亴澶уソ銇嶃仹銇欍€傘仐銇嬨仐銆佸鍒嗐亗銇仧銇皯銇椼倛銈婂銇忋伄銈炽兂銉嗐兂銉勩伄鏂规硶銇т汉銆呫伅銇濄倢銇ц壇銇勬帴缍氥仹銇嶃倠銇с亶銈嬨倛銇嗐€?鍐欑湡鐢诲儚|銇俱仧銇?2|銉涖兗銉夈伅11鎸併仱銇熴倎銇儐銈偣銉堛伄闈炲父銇銇忋倰寰椼仧銆傘仧銇躲倱銆併亗銇仧銇畤瀹欍€併仢銈屻倰銈堛倞鑹亜銇犮倣銇嗐亱锛? jordan 5 metallic silver 2015 http://www.jordan5metallicsilver.org/
Città: Milano
E-mail: deborahluna.model@yahoo.it
Sito internet: http://www.zonacontemporanea.it/iraccontideldormiv

FRANCA SCARPELLINI
C´era una volta

Un giorno, nel tempo che è, fu indetta una riunione, e vi fu apprensione in tutto il creato per ciò che avrebbero udito, questa riunione ebbe molta risonanza nel consiglio cosmico dove stava per essere comunicata una decisione presa dal grande essere...

FRANCA SCARPELLINI
...

Favole e sogni animare la fantasia


animare la fantasia con le favole ed i sogni è un volo oltre la realtà dove fate, principi, streghe, compiono magie e trasformazioni che si realizzano annullando sofferenza e limiti umani.

FRANCA SCARPELLINI
...

Il viaggio
il mio viaggio iniziò nel dicembre del 1945 in una giornata di libeccio e forse è per questo che mi piace sentirmi circondata dal vento e dalle onde che si infrangono sugli scogli! amo il mare e mi sento un tutt’uno con esso, amo...

LUCA PEIRANO
Passeggiando tra i mondi

In un tempo non molto lontano nell’universo sconosciuto si preparava un evento epocale, la riunione di ventidue razze extraterrestri. questo tipo di riunioni extra-planetarie avveniva soltanto inoccasione di eventi straordinari; c’era sempre...

ROBERTO ZACCARELLI
Le disavventure di giunass bartass...

Le disavventure di giunass bartass e della figlia slimbercia

ALMA DAMANINS
Gocciolina

Una goccia d´acqua persa su una foglia d´alloro...dove sono andate le altre goccioline che, come lei, sono cadute da quella nuvola ? ognuna aveva un compita da fare, chi nutrire questo filo d´erba, chi dissetare quello petti rosso, chi...

ANNA SALVATI
Pelle di luna

Favole del terzo millennio
pelle di luna
pelle di luna amava tutto e tutti. ogni cosa, animata e non animata, ogni avvenimento, la interpenetrava e scambiava con lei sensazioni, emozioni. in simbiosi.
percepiva tutto...

GIUSI CANTAGALLI
La stella solitaria

Il fuoco scintillava in mezzo alla valle nella notte oscura e silenziosa,illuminata da due stelle solitarie che danzavano splendenti attorno alla luna piena vibrante di mistero e magia.
le stelle sprigionavano una luce purissima che si espandeva...

FILOMENA MASSIDDA
Zelda la formica

Sul binario ….stretto stretto…
correva a tutta velocità….
il treno “dieciedieci”.
nella stazione di pescofiorito c’erano tante locomotive.
erano lente ma così lente, proprio come lumache.
lumache bavose,...

ALMA DAMANINS
Il grande mago del nulla

E se tutto fosse un´illusione, una grande illusione per portarci avanti. alla fin fine, lo dicono loro, c´è il nulla, il nulla che racchuide tutto : tutte le possibilità, tutte le illusioni, forse come uno capello, grande, grande tale quale...

PAOLA TASSINARI
Ravenna in blu

Oggi le scuole organizzano gite e portano gli scolari, già dalle elementari in visita a san vitale e a galla placidia, ai miei tempi no, così poteva capitare di aver visto le bellezze delle altre città e di non conoscere per niente le meraviglie della...

DEBORAH LUNA SANTARELLI
La rosa di plastica

Era quasi il tramonto, quando vidi entrare dal cancello laterale del cimitero una donna dalla figura sottile. avanzava con fare incerto, raggiunse la lapide che era stata deposta quella mattina proprio di fronte alla mia e pose le otto nuove arrivate...

GRAZIELLA PESCE
Grisell...

“ma come ho fatto a finire qui dentro” brontolava quel piccolo essere cercando di muoversi all’interno di quel guscio così stretto. “ero in un posto dove stavo tanto bene, ma cosa è successo poi? non ricordo, non riesco a ricordare. un...

BARBARA ZILETTI
Verdulandia

Chi l´ha detto che la fantasia non esiste più?

FRANCA SCARPELLINI
L´ho fatto per te!

Questo lo faccio per …te!

e’ una frase che diciamo spesso in tutti gli ambiti dalla politica alla sfera privata.
c‘era una volta una santa donna che diceva spesso: questo l’ho fatto per te…. raccontando fatti di privazioni...

BARBARA ZILETTI
La piccola lisa

Scritto sotto forma di fiaba, ha un contenuto spirituale profondo.
e stato distribuito anche in alcune scuole della provincia di brescia.
molto apprezzato dai ragazzi per la semplicitaà del linguaggio e molto utile anche agli adulti che...

FRANCA SCARPELLINI
Processo

O figlio dell’essere!
proclama il mio nome sulla terra, affinchè io mi possa rammentare di te nei miei cieli, così saranno consolati i miei ed i tuoi occhi.
baha’u’llah – le parole celate.

processo
la nuova...

CHIARA MANGANELLI
Caduta del sogno infantile

Tra i ricordi del giorno e le attese della notte, mentre il sole ammainava la sua vela violacea e iridescente, una giovane donna stava distesa sulla battigia percossa e picchiata dall´ira giocosa del mare. ma il furore delle onde si faceva via via più...

FRANCA SCARPELLINI
La tragedia

“occorre uscire dalla tragedia che ci vincola nella materia
mentre il qui ed ora conduce al cambiamento”

ogni vit aporta la sua tragedia che comprende il suo vissuto ed il suo vivere.
la tragedia fa parte della vita...