arte indaco
 
 
 

 

 
Franca Scarpellini
L´ho fatto per te!
Questo lo faccio per …te!

e’ una frase che diciamo spesso in tutti gli ambiti dalla politica alla sfera privata.
c‘era una volta una santa donna che diceva spesso: questo l’ho fatto per te…. raccontando fatti di privazioni e sofferenze per i figli , per il marito o per gli amici.
viveva principalmente per gli altri lasciando indietro i suoi desideri e le sue speranze.
un giorno i figli le dissero che se ne sarebbero andati a vivere la loro vita, si erano sposati, lavoravano ed alla madre non restò che accettare anche questa sfida che per lei rappresentava l’ennesima sofferenza, ma, pensò: - lo faccio per loro!
il marito capiva che la moglie soffriva e cercava di farle capire che doveva reagire e non lasciarsi abbattere da questa sua intenzione di negare la propria vita per “regalarla agli altri”
escogitò allora un esperimento per svegliare la moglie e, insieme ad alcuni amici si inventò questo progetto:
- portò la moglie in campagna in casa di amici che avevano accolto la richiesta del marito per questo esperimento. la donna in primis non voleva andare perché diceva, come posso lasciare tutto, in casa ho tanto da lavorare, ma il marito chiese che facesse questo per …lui e così la donna accetto questo passaggio senza intuire ciò che il marito aveva in mente.
nel casale vivevano i nonni che coltivavano la terra ed avevano anche tanti animali: dalle galline, mucche, pecore e coltivavano la terra ed avevano un orto con tutte le prelibatezze .
entrambi i coniugi si offersero di aiutare e così iniziarono a mungere il latte, a vedere la nascita di nuovi agnellini, a coltivare verdure ed anche a… nutrirsene!



la vita nella campagna si svolgeva tranquillamente ed anche se alla sera era stanca per le varie incombenze che riusciva a svolgere con grande piacere e tranquillità la donna sentiva una nuova serenità e non si colpevolizzava se qualcosa andava storto, capiva che era normale e non doveva “sacrificarsi” e nemmeno annullarsi per il volere della mucca, della pecora o delle verdure dell’orto. loro nascevano , vivevano e facevano ciò che la natura aveva stabilito per loro .

la donna era estasiata da come la natura facesse il suo corso e che tutto fosse in sintonia con il tutto. e iniziò a farsi delle domande: chi sono io? perché sono così serena anche se mi dedico agli altri e non provo sofferenza?
ne parlava anche con il marito che sotto sotto sogghignava felice.
sai – gli diceva – qui è tutto più semplice – a casa mi sentivo sempre in colpa e facevo tutto per annullarmi e sacrificarmi – facevo sempre le cose per te o per i nostri figli senza pensare a me stessa o a fare qualcosa che mi rendesse serena.
vedo che nonostante tutto qui in campagna la natura fa il suo corso e noi dobbiamo solo aiutare che tutto vada come deve andare e rispettare ciò che è necessario affinchè sia gli animali che l’orto vivano interagendo con loro.
perché in città tutto è diverso?
ho vissuto una vita non mia, mi sono creata muri/divisioni/negazioni e non ho vissuto.
ho vissuto nella mia negazione della via credendo che probabilmente non avessi il diritto di vivere ciò in cui credevo e volevo.

perché violentare il mio essere e nascondere coò che volevo e fare qualcosa per gli altri evitava di fare per me stessa.
vivere la propria vita senza paure, punizioni realizzando i propri sogni e lottare affinchè si realizzino, questo ho capito – è lo scopo della vita che riprende lo scopo della vita universale che si rispecchia nella natura e che viene scoperta solo dopo la realizzazione della propria vita.

chiese al marito di perdonarla e ringraziò di questo percorso che era stata quasi “costretta ad accettare” ma che si era rivelato la realizzazione della sua vita.

il marito abbracciandola le disse: - tu hai seguito la via più difficile e più lunga ma finalmente hai capito che la gioia è parte essenziale della vita e non devi negarti più ad essa. vivi dunque con gioia la vita che ti porterà a vivere nella luce in unione con la natura ed il cosmo.

5 maggio 2012
franca
Share on Tumblr


Città: Fabrica di Roma
E-mail: franca.scarpellini@libero.it
Sito internet: http://

ANNA SALVATI
Pelle di luna

Favole del terzo millennio
pelle di luna
pelle di luna amava tutto e tutti. ogni cosa, animata e non animata, ogni avvenimento, la interpenetrava e scambiava con lei sensazioni, emozioni. in simbiosi.
percepiva tutto...

FRANCA SCARPELLINI
La tragedia

“occorre uscire dalla tragedia che ci vincola nella materia
mentre il qui ed ora conduce al cambiamento”

ogni vit aporta la sua tragedia che comprende il suo vissuto ed il suo vivere.
la tragedia fa parte della vita...

LUCA PEIRANO
Passeggiando tra i mondi

In un tempo non molto lontano nell’universo sconosciuto si preparava un evento epocale, la riunione di ventidue razze extraterrestri. questo tipo di riunioni extra-planetarie avveniva soltanto inoccasione di eventi straordinari; c’era sempre...

FRANCA SCARPELLINI
C´era una volta

Un giorno, nel tempo che è, fu indetta una riunione, e vi fu apprensione in tutto il creato per ciò che avrebbero udito, questa riunione ebbe molta risonanza nel consiglio cosmico dove stava per essere comunicata una decisione presa dal grande essere...

GRAZIELLA PESCE
Grisell...

“ma come ho fatto a finire qui dentro” brontolava quel piccolo essere cercando di muoversi all’interno di quel guscio così stretto. “ero in un posto dove stavo tanto bene, ma cosa è successo poi? non ricordo, non riesco a ricordare. un...

FRANCA SCARPELLINI
L´ho fatto per te!

Questo lo faccio per …te!

e’ una frase che diciamo spesso in tutti gli ambiti dalla politica alla sfera privata.
c‘era una volta una santa donna che diceva spesso: questo l’ho fatto per te…. raccontando fatti di privazioni...

GIUSI CANTAGALLI
La stella solitaria

Il fuoco scintillava in mezzo alla valle nella notte oscura e silenziosa,illuminata da due stelle solitarie che danzavano splendenti attorno alla luna piena vibrante di mistero e magia.
le stelle sprigionavano una luce purissima che si espandeva...

PAOLA TASSINARI
Ravenna in blu

Oggi le scuole organizzano gite e portano gli scolari, già dalle elementari in visita a san vitale e a galla placidia, ai miei tempi no, così poteva capitare di aver visto le bellezze delle altre città e di non conoscere per niente le meraviglie della...

CHIARA MANGANELLI
Caduta del sogno infantile

Tra i ricordi del giorno e le attese della notte, mentre il sole ammainava la sua vela violacea e iridescente, una giovane donna stava distesa sulla battigia percossa e picchiata dall´ira giocosa del mare. ma il furore delle onde si faceva via via più...

ALMA DAMANINS
Il grande mago del nulla

E se tutto fosse un´illusione, una grande illusione per portarci avanti. alla fin fine, lo dicono loro, c´è il nulla, il nulla che racchuide tutto : tutte le possibilità, tutte le illusioni, forse come uno capello, grande, grande tale quale...

FRANCA SCARPELLINI
...

Favole e sogni animare la fantasia


animare la fantasia con le favole ed i sogni è un volo oltre la realtà dove fate, principi, streghe, compiono magie e trasformazioni che si realizzano annullando sofferenza e limiti umani.

FRANCA SCARPELLINI
Processo

O figlio dell’essere!
proclama il mio nome sulla terra, affinchè io mi possa rammentare di te nei miei cieli, così saranno consolati i miei ed i tuoi occhi.
baha’u’llah – le parole celate.

processo
la nuova...

FRANCA SCARPELLINI
...

Il viaggio
il mio viaggio iniziò nel dicembre del 1945 in una giornata di libeccio e forse è per questo che mi piace sentirmi circondata dal vento e dalle onde che si infrangono sugli scogli! amo il mare e mi sento un tutt’uno con esso, amo...

ALMA DAMANINS
Gocciolina

Una goccia d´acqua persa su una foglia d´alloro...dove sono andate le altre goccioline che, come lei, sono cadute da quella nuvola ? ognuna aveva un compita da fare, chi nutrire questo filo d´erba, chi dissetare quello petti rosso, chi...

BARBARA ZILETTI
La piccola lisa

Scritto sotto forma di fiaba, ha un contenuto spirituale profondo.
e stato distribuito anche in alcune scuole della provincia di brescia.
molto apprezzato dai ragazzi per la semplicitaà del linguaggio e molto utile anche agli adulti che...

DEBORAH LUNA SANTARELLI
La rosa di plastica

Era quasi il tramonto, quando vidi entrare dal cancello laterale del cimitero una donna dalla figura sottile. avanzava con fare incerto, raggiunse la lapide che era stata deposta quella mattina proprio di fronte alla mia e pose le otto nuove arrivate...

FILOMENA MASSIDDA
Zelda la formica

Sul binario ….stretto stretto…
correva a tutta velocità….
il treno “dieciedieci”.
nella stazione di pescofiorito c’erano tante locomotive.
erano lente ma così lente, proprio come lumache.
lumache bavose,...

ROBERTO ZACCARELLI
Le disavventure di giunass bartass...

Le disavventure di giunass bartass e della figlia slimbercia

BARBARA ZILETTI
Verdulandia

Chi l´ha detto che la fantasia non esiste più?